Napoli, protesta degli operai Whirlpool davanti al consolato Usa

Napoli, protesta degli operai Whirlpool davanti al consolato Usa

I lavoratori temono per il loro futuro occupazionale vista la decisione dei vertici di cedere la fabbrica a unʼazienda svizzera

 

Protesta degli operai Whirlpool a Napoli. I lavoratori temono per il loro futuro occupazionale, in seguito alla decisione dei vertici di cedere la fabbrica a una azienda svizzera. I manifestanti, che indossano una maglietta con la scritta "Whirlpool Napoli non molla", raggiungeranno la sede del consolato americano.

 
 

La nota dei lavoratori - Nella nota con la quale hanno annunciato di voler scendere in piazza, i lavoratori hanno spiegato: "E' giunto il momento di mettere al centro il diritto al lavoro di migliaia di persone. I lavoratori Whirlpool stanno subendo un torto e le istituzioni devono rispondere immediatamente. Così come hanno l'obbligo di non abbandonare i 471 navigator campani".

La manifestazione nazionale a Roma - La Whirlpool ha deciso di vendere lo stabilimento di Napoli agli svizzeri di Prs. E nonostante le rassicurazioni dell'azienda di elettrodomestici che ha garantito che "saranno mantenuti i livelli occupazionali", i lavoratori hanno deciso di scendere in piazza. E la mobilitazione proseguirà per tutta la settimana fino alla manifestazione nazionale, in accordo con Fim, Fiom e Uilm, prevista per il 4 ottobre a Roma.

"Pressing per far cambiare idea all'azienda" - "Il governo, le istituzioni e tutte le forze politiche prendano esempio e si uniscano in un pressing corale per far cambiare idea alla Whirlpool e riportarla al tavolo. Questo è solo l'inizio di una battaglia che sarà sempre più decisa e diffusa". Lo ha detto il segretario generale della Uilm Campania, Antonio Accurso.

 

Fonte; 25 SETTEMBRE 2019 - .tgcom24.mediaset.it

Ultima modifica ilMercoledì, 25 Settembre 2019 15:35

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Torna in alto

Sezioni

Rubriche

News Locali

Servizi

Chi Siamo

Seguici Su: